Conviene costruire una casa nuova?


Alessandro Mannarino - 9 Giugno 2020 - 0 comments

Il quesito probabilmente fondamentale quando si decide di comprare casa è quello riguardo a preferire una casa già esistente oppure farne costruire una da zero. Cerchiamo di capire quali sono i pro e i contro di costruire una casa nuova.

Pro

  • Libertà progettuale: uno dei grandi vantaggi e che la casa puoi fartela come vuoi. Mentre una casa esistente parte da una struttura sostanzialmente stabilita, che è molto oneroso modificare ampiamente, costruendo casa si parte praticamente da un foglio bianco e si ha una grande possibilità di personalizzazione e di poter disporre gli spazi a piacimento. Nelle grande maggioranza dei casi si trova un annuncio di chi ha già una concessione edilizia in un certo lotto, quindi si trova anche già un prezzo che dia un idea al cliente. Di conseguenza il limite dei metri quadri dell’abitazione è già più o meno stabilito, per rientrare nella cifra stabilita, ma resta senza dubbio una enorme libertà di realizzazione della casa, di gran lunga superiore a quella di una casa esistente.
  • Risparmio a lungo termine: per legge è obbligatorio fare le case in classe energetica ‘A’, il che vuol dire che costerà di meno fornire il fabbisogno energetico all’abitazione. Sicuramente l’installazione iniziale di questi impianti porta con sé dei costi, magari anche importanti se ci si vuole addentrare fino in fondo nelle svariate possibilità che esistono relativamente al risparmio energetico, ma sono costi che si smaltiscono tranquillamente se si vede la casa come l’investimento della vita, magari comprata quando ci si sposa e tenuta per sempre. Analizzando nel lungo termine, il risparmio nelle utenze è davvero notevole.
  • Durata: banalmente, la casa più è nuova, più tempo passa, se fatta bene, prima che ti tocchi ristrutturarla o prima che comincino a sorgere le prime magagne. Una casa è fatta per durare, in piena efficienza, di più di chi la occupa. Quindi è evidente che comprando una casa già esistente e, soprattutto, usata, si parte da una posizione di svantaggio.

Contro

  • Zona: astenersi amanti del centro storico. Le zone di nuova urbanizzazione sono, per ovvi motivi, al limitare del paese, cioè nelle cosiddette zone residenziali. Generalmente queste zone sono piuttosto apprezzate, in quanto molto tranquille, lontane da luoghi di lavoro e da strade di grande passaggio. D’altra parte sono anche discretamente distanti dai principali servizi, come il negozio sotto casa, le scuole e gli uffici, che non possono più essere raggiunti a piedi.
  • Potresti trovare un’occasione: l’universo delle case (già esistenti) in vendita è talmente vario che si potrebbe davvero trovare l’occasione della vita, quella che fa proprio per te e la tua famiglia. Una casa che ti piace davvero per tutte le sue caratteristiche, a un buon prezzo e pronta subito può far pendere l’ago della bilancia a favore dell’acquisto dell’usato. Magari con qualche piccolo accorgimento si ha quello che si cerca, senza dover seguire passo passo un anno abbondante di lavori, con tutto l’infinito stuolo di professionisti, lo stress che ne deriva e le possibili complicazioni.
  • Strada senza ritorno: se si prende la decisione definitiva di costruire casa, indietro non si torna. O meglio, si torna, naturalmente, ma con un grande danno economico. La casa nuova è la casa della vita, ma come noto la vita riserva spesso grandi sorprese, non sempre gradite. Pensare di rivendere la casa dopo magari una decina d’anni, porterebbe sicuramente a una ingente perdita di denaro, senza contare che verrebbe pure a mancare il risparmio previsto nel lungo termine dal punto di vista energetico. Quindi è una decisione che va presa con grande calma e con un’attenta valutazione, perché il danno economico sarebbe doppio.

Considerazione finale

Valutati gli aspetti più importanti c’è quindi una delle due scelte che è oggettivamente preferibile rispetto all’altra?

No. Perché questa non è una scelta fra due diverse marche di aspirapolveri, ma una scelta di vita, pertanto nessuna delle due opzioni può definirsi oggettivamente giusta o sbagliata. Tutto dipende da cosa fa sentire una persona o una famiglia realizzata nella vita. Ci può essere dunque una famiglia cui consigliare una casa già esistente e un’altra famiglia all’apparenza del tutto simile alla precedente, cui invece va consigliata una casa da costruire. Un bravo agente immobiliare deve saper valutare anche questo e consigliare i suoi clienti di conseguenza.

Related posts

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *